XIX Marzo a Sansepolcro: “Una pagina storica per l’affermazione della libertà”

Celebrato ieri il 73° anniversario dell’Insurrezione di Sansepolcro

Domenica 19 marzo la comunità di Sansepolcro ha celebrato il 73esimo anniversario dell’Insurrezione popolare che nel 1944 favorì l’ingresso dei partigiani in città e l’avvento della Resistenza.

Le celebrazioni hanno preso il via al mattino dalle ore 11:00, con la deposizione di una corona sulla targa commemorativa di Via XIX Marzo. Alla cerimonia hanno preso parte i rappresentanti delle Forze dell’Ordine locali, i membri di A.N.P.I. Sansepolcro, il Sindaco biturgense Mauro Cornioli, gli Assessori e i Consiglieri dell’Amministrazione Comunale.

“Il XIX marzo a Sansepolcro racchiude intera la sostanza del “nostro” spirito vocato alla libertà – ha dichiarato il primo cittadino – Dico nostro per includere lo spirito vero della comunità di Sansepolcro, quello che discende proprio da quei cittadini che con la loro spontanea ribellione si sono riappropriati della città scrivendo una significativa pagina di storia - mi sia consentito - non solo locale, per l’affermazione della libertà.”

Le iniziative sono quindi proseguite nel pomeriggio presso la Biblioteca Comunale, dove alle 17:00 si è tenuta la presentazione della pubblicazione “La battaglia di Villa Santinelli” a cura del professore Alvaro Tacchini. Il testo vuole ricostruire in modo fedele e dettagliato i tragici fatti che il 27 marzo 1944, a pochi giorni dalla sommossa nella città di Piero, portarono all’esecuzione di nove giovani partigiani nei locali di Villa Santinelli, nella vicina Città di Castello.

“Questa memoria storica, della quale abbiamo ancora testimonianze viventi, ci serve ad affrontare un presente dove ogni giorno la libertà dell’uomo continua ad essere minacciata – ha commentato l’Assessore Gabriele Marconcini – E’ nostro dovere fare tesoro di questo nostro passato, possibilmente partendo da un’opera di sensibilizzazione verso i più giovani, quegli stessi giovani che nel periodo della Resistenza rivestirono un ruolo fondamentale. Le generazioni di questi anni duemila sono quelle che dovranno farsi portavoce di un nuovo modo di vedere il mondo.”

Il programma delle commemorazioni proseguirà il prossimo 27 marzo, anniversario dell’eccidio di Villa Santinelli, con la deposizione di una corona al Sacrario dei Partigiani del cimitero di Sansepolcro e la visita istituzionale al casolare tifernate.

Share/Save
progetto grafico e sviluppo web Japroject.it