Accattonaggio molesto, da oggi a Sansepolcro c'è l'ordinanza

Il Sindaco Cornioli: "L'obiettivo è scoraggiare un fenomeno che crea disagio nei cittadini"

Non solo Carabinieri. In occasione della conferenza stampa dedicata all’imminente ripristino della Compagnia dell’Arma, il Sindaco di Sansepolcro Mauro Cornioli ha affrontato anche l’altra delicata questione dell’accattonaggio molesto. Di fronte ai giornalisti e amministratori presenti in Sala della Giunta, il primo cittadino ha firmato l’ordinanza (n°133 del 03-08-2017) volta a contrastare un fenomeno che negli ultimi tempi, anche a Sansepolcro, sta registrando una crescita costante.

“Un provvedimento che risponde alle crescenti segnalazioni dei cittadini - ha commentato Cornioli - Nell’ultimo periodo si stanno infatti moltiplicando i casi di richieste insistenti e petulanti di denaro in varie zone del nostro Comune, molto spesso da parte di cittadini stranieri residenti o affidati a strutture distanti anche molti chilometri da Sansepolcro. Una situazione di disagio che spesso compromette la serena fruibilità di luoghi pubblici ed esercizi commerciali, e che non rende giustizia al duro percorso di integrazione portato avanti in modo virtuoso da molte associazioni presenti anche nel nostro territorio.”

“Alle Forze dell’Ordine, e in primis alla Polizia Municipale, spetterà il compito di far rispettare il divieto - spiega l’Assessore alla Sicurezza Riccardo Marzi -  in caso di violazione, sono previste sanzioni amministrative, ma anche il sequestro delle attrezzature e delle merci impiegate nell’attività. E’ bene tuttavia precisare che per legge l’accattonaggio o elemosina non costituisce reato, e che lo spirito questa ordinanza è innanzitutto quello di scoraggiare fenomeni che creano disagio crescente per la comunità, senza quindi costituire una punizione nei confronti di chi si trova in condizioni di povertà o si limita a chiedere l’elemosina senza infastidire nessuno.”

Share/Save
progetto grafico e sviluppo web Japroject.it